giovedì 8 marzo 2018

KERALA LA TERRA DI DIO!


KERALA
LA TERRA DI DIO!
Un viaggio in una delle nature più incantevoli e suggestive di tutta l’India.

                                                                                                                                                                
Un’affermazione del genere potrebbe sembrare arrogante a pronunciarsi ma così non è per un posto ricco di una bellezza delicata e sincera come quella del Kerala. Per le meraviglie di questa regione del sud ovest dell’India infatti non poteva esserci definizione migliore. La sua natura sembra parlare e dire ad ogni viaggiatore: “riposa I tuoi occhi sui nostri splendori naturali e credici”.
Sono molte le storie che danno una spiegazione al perchè il Kerala sia considerata la terra di Dio tra esse due in particolare riecheggiano nella mitologia comune.
La prima storia narra di un saggio guerriero di nome Parasurama, la sesta incarnazione di Vishnu. Il suo nome significa Rama con l’ascia. Lo scopo della sua nascita era quello di liberare il mondo dall’arrogante oppressione della classe dominante degli Kshatriya. Portò a compimento il suo dovere uccidendo tutti gli Kshatriya della terra e riempiendo cinque laghi con il loro sangue. Dopodichè si avvicinò ad un assemblea di uomini saggi per chiedere come poter espiare le sue colpe. Gli venne consigliato di donare tutte le terre conquistate dagli Kshatriya ai Brahmini per mettere in salvo la sua anima. Così fece e sedette in meditazione  a Gokarna. Lì fu benedetto da Varuna, il dio degli oceani e da Bhumidevi, la dea della terra. Da Gokarna raggiunse Kanyakumari e lanciò la sua ascia verso nord che sorvolando l’oceano raggiunse il Kerala rendendolo un posto unico al mondo.                  
La seconda storia narra  le vicende del re degli Asura Mahabali. Questa figura mitologica svolge un’influenza particolare nella cultura degli abitanti del Kerala. Il mito narra di come il re contrario alla natura arrogante e malvagia degli asura fosse conosciuto per la sua benevolenza, per la sua rettitudine e per la sua bontà. Il regno di Mahabali portò pace e prosperità nel paese e la sua fama e il suo potere crebbero di giorno in giorno. Questa sua crescente popolarità creò malcontento tra gli Dei che chiesero l’aiuto di Maha Vishnu per ridimensionare il potere del re. Lord Vishnu questa volta prese la forma di Vamana, un giovane brahmino e si avvicinò a Mahabali. Il re chiese a Vamana cosa volesse come regalo ed egli gli chiese tre strisce della sua terra. Il re acconsentì e il ragazzo iniziò a crescere a dismisura tanto da coprire con il primo passo i 14 mondi, con il secondo il cielo e con il terzo tutto ciò che era rimasto. Il re accortosi dell’inganno chiese che il terzo passo fosse posto sulla sua nuca e fu così spedito nell’ al di là. Vamana acconsentì affinchè Mahabali potesse visitare ogni anno la sua terra per sincerarsi che non vi fossero carestie nè sofferenze. Ciò diede vita al festival più importante del Kerala: l’Onam che si tiene ogni anno nel mese di Agosto e che celebra il ritorno di Mahabali tra la sua gente. Questo è anche il festival del raccolto, si celebra in un periodo dell’anno in cui tutto appare al massimo del suo splendore e della sua bellezza. I bellissimi paesaggi del Kerala possono essere ammirati nelle loro vesti migliori e anche il tempo sembra voler partecipare rendendo tutto più piacevolmente caldo e soleggiato. I campi brillano con i loro raccolti abbondanti e i contadini si sentono in cima al mondo vedendo il frutto delle loro fatiche.  Quest’anno se sarete fortunati ad andare in Kerala nel periodo tra luglio e ottobre potrete assistere ad uno spettacolo imperdibile che accade solo ogni 12 anni: il neelakurinji, le colline di Munnar esploderanno in un oceano blu, un rarissimo spettacolo naturale per cui vale la pena mettersi in viaggio. Un’infinita distesa di colline ondeggianti che sbocceranno in circa 40 varietà diverse di fiori. Ma in kerala potrete trovare questo e altro: mare e spiagge tra Marari, Aleppey Varkala e Kovalam; foreste, risaie, riserve naturali, piantagioni di te e spezie tra Munnar, Wayanand, Vagamon; spettacoli di kathakali, centri di Ayurveda, sports acquatici e l’accoglienza rinomata di questa gente. Il periodo migliore per visitare questa regione: ogni stagione! Se infatti vi informate prima e decidete che tipo di viaggio fare, ogni stagione in Kerala riuscirà ad accogliervi nel migliore dei modi sia che partiate da Settembre a Marzo considerate le stagioni migliori perchè dopo i monsoni estivi la natura risplende di un verde luminoso ma ovviamente sarà anche il periodo più caotico; sia che andiate tra Aprile e Maggio quando le temperature iniziano ad aumentare ma l’atmosfera si rilassa e si abbassano anche I prezzi , le prime precipitazioni bagnano la terra e l’odore della pioggia profuma l’aria; sia che partiate tra Giugno e Agosto quando domina la stagione delle pioggie che sembra essere quella migliore per i trattamenti ayurvedici e che vi accompagnerà a ritmo intermittente di lampi e tuoni.
Come sempre se questa intro ha creato in voi un pò di curiosità per questo posto, non esitate a contattarci e vi daremo consigli utili per vivere al meglio la vostra vacanza in Kerala.
Buon viaggio e stay tuned!!!!



Post più popolari